Cimitero abbandonato della Colombara

by

Su questo sito ho descritto tanti luoghi molto diversi fra loro: da paesi di campagna, città turistiche, paesi normali, antichi luoghi sperduti ed ultimamente anche luoghi abbandonati e dimenticati dalla vita. Quest’ultimi sono i precari ricordi d’un passato ormai teso e concesso alla futura archeologia prossima, anfiteatri del decadimento, dell’abbandono e del freddo ed indissolubile alito del tempo. Ci troviamo in una zona del Piemonte che è forse la più affascinante e misteriosa che ci sia in questa regione italiana, un’area ricca di luoghi abbandonati, storia e tradizioni antiche.

Colombara è una piccolissima frazione di Livorno Ferraris, in provincia di Vercelli, solo a pochi chilometri da qua ci sono luoghi altrettanto unici come: Lucedio, la misteriosa, abbandonata e scomunicata Chiesa della Madonna delle Vigne, il cimitero abbandonato di Darola, Leri Cavour e tantissimi altri luoghi. Viene quindi spontaneo chiedersi il motivo di quest’abbandono, ma in realtà non si va che a raggiungere i classici luoghi comuni delle leggende, dell’occulto o di tante altre cose che la mente umana è in grado di creare. Forse il motivo intrinseco dell’abbandono (e non parlo solo dell’oggetto dell’articolo) è antico e nuovo allo stesso tempo, figlio dei giorni attuali dove il traffico scorre senza fine. Ma questo luogo è lontano dal traffico, pur essendo relativamente vicino alla città, Colombara è un piccolo angolo di pace e silenzio, famosa anche per la bellissima cascina che porta il nome del luogo.

A poche centinaia di metri dalle (poche) case della frazione Colombara, sorge quello che un tempo era il cimitero; uso il passato perché oggi altro non è che un disordinato ricordo di quello che un tempo fu… circondato dalle acque delle risaie, il cimitero ha una forma rotonda (molto in voga in questa zona del Piemonte) ed è chiuso da un alto muro di mattoni, evidentemente molto antico.

L’ingresso è sempre aperto, nessuno v’impedirà d’accedere, perché nessuno oggi si preoccupa più di questo luogo. Le lapidi sono distrutte delle intemperie e della natura, il cimitero molto probabilmente è stato abbandonato nel 1950, periodo deducibile dalla datazione della tomba più recente, ma è comunque probabile che già negli anni ’40 il cimitero non fosse in buone condizioni.

Oggigiorno questo luogo pare dimenticato persino dagli abitanti del luogo, anche se sorprendentemente c’è ancora chi in occasioni speciali, si reca in questo luogo desolato e dimenticato dal mondo per lasciare un fiore.

Pochi sono i monumenti ancora in piedi, sulla destra c’è una piccola cappella di famiglia, quasi completamente distrutta, mentre in fondo è ancora leggibile l’epigrafe dedicata al parroco che si occupò della parrocchia della Colombara nel 1851.

Video:

Nel 2016 ho realizzato un piccolo video all’interno di questo cimitero abbandonato, le foto in quest’articolo sono del 2013, potrebbero quindi esserci delle piccole differenze.

Altre foto:

 

 

Potrebbe anche interessarti:

7 Commento
  1. Bruna Giacoma Ghello 4 anni ago
    Reply

    Molto interessante.
    Grazie.

  2. belita 3 anni ago
    Reply

    molto interessanti gli articoli sui cimiteri abbandonati della Colombara e di Lucedio/Darola. Posso chederti se lo si sa da cosa prende il nome la cascina Darola? Grazie Mille

    • Alberto Bracco 3 anni ago
      Reply

      Ciao! Grazie! Non è facile rispondere con precisione alla tua domanda, la cascina Darola ha origini piuttosto antiche, esisteva già in età antecedente al 900 (non 1900), nel 933 venne donata ai Marchesi del Monferrato e da alcuni documenti all’epoca essa era conosciuta con il nome di “Corte Auriola”, come il nome si sia evoluto in Darola è ancora un mistero.

  3. Diego Pérez 3 anni ago
    Reply

    Ciao Alberto! sul tuo blog ci sono davvero dei luoghi molto affascinanti da visitare, ma io sono rimasto catturato da questo. Non so se tu potrai essermi di aiuto, ciò che vorrei sapere è lo stato attuale del cimitero. E’ sempre abbandonato come nelle tue fotografie? spero di si, mi piacerebbe fotografarlo, nella speranza che le attenzioni dell’amministrazione comunale non lo abbiamo sciupato con i soliti interventi di ripristino. Non vivo vicino e quindi chiedo a te prima di fare diverse centinaia di km.

    Ti ringrazio molto.
    Continua con questi luoghi!

    • Alberto Bracco 3 anni ago
      Reply

      Ciao Diego! Sono passato nelle vicinanze di questo posto circa 6 mesi fa e posso assicurarti che si trovava nelle stesse condizioni che vedi in quest’articolo! :) Non credo che le cose siano cambiate nel frattempo!

      In ogni caso se capiti in questa zona ti consiglio anche d’andare a Lucedio (in questo sito trovi diversi articoli), merita molto fare fotografie in questa zona!

  4. piero 6 mesi ago
    Reply

    Penso ci sia un errore… Il cimitero della Colombara riprodotto nelle foto non è a struttura circolare ma quadrata. Quello rotondo (detto anche delle rane perchè si allaga spesso) è all’altezza del Ristorante Balin di lato sempre alla strada provinciale 7. vedi link
    https://www.google.it/maps/place/Ristorante+Colombara/@45.2451082,8.1751665,274m/data=!3m1!1e3!4m5!3m4!1s0x4787cc4639c9bee7:0x4b4c783702116733!8m2!3d45.2549249!4d8.1675112

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico.