Escursione ai Monti Pelati

Giu 25, 2013 2 Commenti by

Ubicazione del Luogo: conosciuto anche come “Riserva Naturale dei Monti Pelati” è una zona grande circa 3 Chilometri, situata tra i comuni di Baldissero Canavese, Castellamonte e Vidracco. Questo percorso inizia a Baldissero Canavese e prosegue attraverso i brulli ed affascinanti Monti Pelati nelle vicinanze di baldissero, fino a raggiungere una delle cime.

Difficoltà escursione: (2/5) ☆ ☆☆

Escursione adatta quasi a chiunque, il percorso non presenta pericoli mortali, ma non è  adatto a chi ha problemi motori di qualsiasi tipo. Il sentiero non è sempre ben visibile, ma è praticamente impossibile perdersi. Il dislivello con Baldissero è molto basso, il percorso è quindi perfettamente adatto a chi non pratica escursioni abitualmente. Grazie alla vicinanza con il centro abitato, la buona copertura della rete telefonica (80%) i rischi sono ridotti al minimo. Consigliato l’uso d’un bastone da passeggio per il primo tratta di questo percorso. In alcuni punti il sentiero non è in condizioni perfette.

I Monti Pelati sono un luogo quasi alieno, unico ed indescrivibile se non ci fossero le foto… si nota anche da molto lontano ed al suo interno comprende anche un altro luogo (che approfondirò in un altro articolo) conosciuto come Torre Cives. Questi rilievi sono decisamente modesti, ma sanno comunque regalare grandi emozioni, Sono quasi completamente brulli e privi di vegetazione, ad eccezione per particolari piante, come le betulle, che per qualche ragione alcune di esse riescono ad adattarsi incredibilmente.

Il segreto della peculiarità di questo luogo è il particolarissimo sottosuolo, molto diverso dalla zona circostante, esso infatti è particolarmente ricco di Silicati e Magnese. Il materiale costituito da questi Monti proviene quindi da strati molto profondi della crosta terrestre, con minerali non particolarmente favorevoli alla vita, queste rocce si sarebbero quindi formate circa 60 milioni di anni fa, dopo una grossa fuoriuscita di magma dal sottosuolo, in seguito ad una frattura del terreno legata alla spinta della zolla africana.

I minerali di questo luogo quindi sono piuttosto rari (almeno in questa zona del Piemonte) e sono stati estratti per più di 2 secoli, fino a quando nel 1993 è stato istituito come parco naturale e quindi riqualificato e protetto.

Dove si trova e come si raggiunge:

Nell’escursione che propongo, si raggiunge solo una delle tante cime dei Monti Pelati, ma in questo percorso si raggiunge la cima Bric Carlevà (503 metri), anche se alcune raggiungono anche i 594 metri (consiglio quindi di fare più escursioni in questo luogo). Per semplificare la comprensione del percorso, nella parte sottostante ho incluso una semplice mappa che mostra il punto dove inizia il sentiero (difficile da notare), il punto dove parcheggiare la macchina e l’ubicazione della cima da raggiungere. In ogni caso la partenza è dal comune di Baldissero Canavese, paese che si trova proprio sotto i piedi dei Monti Pelati.

Ho anche girato un piccolo video-documentario, che mostra in modo semplice il percorso da seguire per raggiungere la cima. Buona visione:

Altre Foto:

Print Friendly
Escursioni

Autore articolo:

Amministratore e fondatore di questo sito, fotografo e videomaker. Ha iniziato a fotografare nel 2010, dal 2013 in poi ha iniziato ad esplorare posti abbandonati, realizzando e pubblicando video su Youtube. Instancabile, curioso ed un po' spericolato. E' sempre alla ricerca di ciò che è nascosto, e che attende d'essere documentato.

2 Responses to “Escursione ai Monti Pelati”

  1. Torre Cives says:

    […] Frazione… con zero abitanti. Si trova in cima ad una collina, nelle immediate vicinanze dei Monti Pelati (parte della piccola Riserva naturale dei Monti Pelati) l’altezza è di circa 581 metri sul […]

    • rino says:

      Lodevole l’impegno profuso nel documentare il percorso. Da suggerire la lettura del tabellone informativo alla partenza dal Municipio di Baldissero: si “scoprirebbe” che quel “sembra gesso” è “magnesite” e quei “bozzoli” sono i nidi di “processionaria” e altro ancora!
      ciao

Lascia un commento